colpo di testa - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Biblioteca Comunale | Lasciamo il segno 2012/2013 CLASSI PRIME | colpo di testa - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Paul Bakolo Ngoi

COLPO DI TESTA

 

RECENSIONI DEI RAGAZZI

 

Autore: Paul Bakolo N’Goi

Titolo: Colpo di testa

Bilia, un ragazzo africano come tanti, per la prima volta compie un crimine: ha fame, ruba un casco di banane, viene arrestato e rinchiuso in un carcere minorile dove si organizza una partita di calcio. Bilia ha un grande talento e viene notato da un esperto che lo porterà in Italia e gli farà vivere emozionanti avventure nel mondo del calcio.

Secondo me l’autore vuole far capire che tutti possiamo fare degli errori, ma possiamo anche trovare il modo di uscire dai guai.

Il libro è molto avvincente e mi è piaciuto.

Voto: 4,5

Maicol Valente

1^F

 

Colpo di testa

Autore: Paul Bakolo Ngoi

casa editrice: Fabbri

Genere: libro di avventura

Il libro parla di Bilia, un ragazzo che si ritrova in carcere per aver rubato un casco di banane. un giorno il caporale Katanga organizza una partita di calcio tra i detenuti e i ragazzi del quartiere. Bilia gioca con passione e Riccardo, un signore europeo capitato lì per caso, lo vede giocare ed è ammirato; decide così di portarlo in Europa per dargli un'occasione. Bilia all'inizio è molto eccitato, ma quando arriva in Europa si rende conto che ambientarsi sarà più difficile del previsto. Ce la farà.

Stile: semplice, veloce e con poche descrizioni.

Citazioni: la frase che mi è piaciuta di più è: "Sì è un odore speciale. E poi il campo, l'erba ... correre dietro questo pallone per me è come volare per un angelo."

Voto: 4/5

Questo libro lo consiglierei più che altro ai ragazzi e solo alle ragazze con un carattere molto deciso.

Giulia Migliorini

1^D

 

AUTORE: PAUL BAKOLO NGOI

TITOLO: COLPO DI TESTA

CASA EDITRICE:FABBRI EDITORI

Bilia è un ragazzo originario dell’Africa, e un giorno, spinto dalla fame, al mercato ruba delle banane. La sua fuga non dura a lungo, subito dopo viene preso e mandato nella prigione di kinshasa. Un giorno il guardiano del carcere organizza una partita di calcio tra i ragazzi del carcere e quelli del quartiere. A partire da quel giorno la sua vita subirà molti cambiamenti...

STILE

Lessico semplice; periodi semplici; ritmo veloce; poche descrizioni.

GENERE

Avventura

CITAZIONE

“Che la speranza per voi in un domani migliore non debba mai morire”

INTENZIONE COMUNICATIVA

Ad ognuno di noi si presentano delle opportunità che dobbiamo saper cogliere e sfruttare al meglio.

Lo consiglio perché è una storia appassionante e fino alla fine ti lascia in suspance.

Voto 4/5

Mirco Berigazzi

1° A Scuola Media Ferrante Gonzaga Guastalla

 

Colpo di testa di Paul Bakolo Ngoi

Fabbri Editore

Bilia, un ragazzo molto povero di quattordici anni, vive a Kinshasa in Congo. Un giorno, ruba al mercato un casco di banane, viene inseguito dalla polizia e portato in carcere. Lì fa amicizia con altri ragazzi. Un giorno Bilia chiede alla guardia di organizzare una partita di calcio tra i prigionieri e i ragazzi del quartiere. A Bilia piaceva moltissimo giocare a pallone. A vedere la partita c’è Riccardo, un reporter italiano, che riconosce il talento del giovane nel giocare a calcio. Riuscirà Bilia a realizzare il suo sogno e diventare un grande calciatore?...

Stile: lessico semplice, ritmo veloce.

Citazione: Bilia alza gli occhi al cielo e crede di vedere il viso di sua madre e gli promette di diventare un grande calciatore

Voto: 4 su 5

Alex Bertolotti

Classe Prima S. Orsola

 

TITOLO: Colpo di testa

AUTORE: Paul Bakolo Ngoi

CASA EDITRICE: Fabbri Editori

Kinshasa, Congo, zona est della città. Il giovane Bilia ruba quattro banane al mercato, ma viene arrestato da un poliziotto e finisce in carcere. Bilia dovrà imparare le regole di vita della prigione e ad arrangiarsi per sopravvivere. Un giorno, però, le cose cambieranno, quando, durante una partita di calcio tra i giovani carcerati e i ragazzi del quartiere, Bilia verrà notato per il suo talento... Uscirà dal carcere? Riuscirà a realizzare i suoi sogni?...

Davide Baccini

Classe Prima S. Orsola

 

Titolo : Colpo di testa

Autore: Paul Bakolo Ngoi

Casa editrice : Fabbri Editore

La storia ha inizio nel Congo, più esattamente nella zona est di Kinshasa. A un tratto, dal rumore del mercato, si leva una voce: "Fermatelo, fermatelo. Al ladro, al ladro!”. Un ragazzino corre tra la folla;  il colpevole, è Bilia. Per lui è la prima volta, ha rubato solo un casco di banane. È poco ma gli è bastato per finire in carcere. Stare rinchiusi tra quattro mura è dura, ma Bilia non è più solo, si è fatto degli amici e ora si fanno forza a vicenda per non farsi portar via  l'anima da quel posto terribile, ma hanno paura di diventare come Balù, il capo della cella. E’ un ragazzo in cui si può trovare solo odio e disprezzo. I fatti proseguono quando Matata, il guardiano responsabile del settore dei meno pericolosi, propone un'idea: una partita di calcio tra ragazzi del quartiere e ragazzi detenuti. Nella squadra c'è anche Bilia. Il giorno tanto atteso dal protagonista è arrivato,ma tra il pubblico si trova qualcuno che lo guarda con particolare attenzione; è un italiano, di nome Riccardo. Fa il reporter fotografico e in quel momento è capitato li per caso. Vedendolo giocare, scopre che Bilia ha un talento: il calcio. Lo adotta e lo porta in Italia. Per Bilia inizia una nuova vita. 

Questo libro utilizza un lessico semplice e periodi scorrevoli.  

E’ un romanzo, che parla di un sogno. 

La frase che mi ha colpito di più è la promessa di Bilia alla madre:”Un giorno diventerò un grande calciatore, e tu, mamma, sarai fiera di me.”Con questa frase l’autore si prefigge di non arrendersi anche se tutto non va per il meglio, e di avere sempre fiducia, pensando in modo positivo il futuro.  A me questo libro è piaciuto molto e il mio voto è 4 su 5.

Federico Alfieri  1^A

Scuola Secondaria di 1° grado “Ferrante Gonzaga”

 

TITOLO:COLPO DI TESTA

AUTORE:PAUL BAKOLO NGOI

CASA EDITRICE:FABBRI EDITORI

Questo libro parla di un ragazzo molto povero di nome Bilia, che ha perso la madre da poco, che un giorno dato che e’ molto affamato ruba delle banane e così viene mandato in carcere.

E’ molto triste, ma fa subito amicizia con i suoi compagni di cella che lo aiutano a non cadere nella disperazione.

Un giorno una guardia decide di fare una partita di calcio tra i prigionieri e quelli del quartiere. Bilia è molto bravo a giocare a calcio e durante la partita una persona di nome Riccardo nota le sue doti nel giocare a calcio e decide di farlo uscire di prigione .

Quando Bilia esce, Riccardo chiede ai suoi genitori se puo’ portarlo in Europa per farlo diventare un giocatore ancora più bravo.

I suoi genitori accettano e alla fine Bilia riesce ad andare in Europa ma lì non si trova molto bene perché non capisce la lingua, quindi viene mandato a scuola .Qui si gioca spesso a calcio e in una partita i suoi compagni vedono che è molto bravo e così Bilia si trova subito dei nuovi amici e la nostalgia di casa diminuisce un po’.E’ molto più felice adesso e da qui inizierà la sua avventura verso il calcio.

ALEX LUGLI

1^D

 

 

Autore:Paul Bakolo Ngoi

Titolo:Colpo di testa

Casa editrice: Rizzoli

Bilia, un ragazzo di quattordici anni, si ritrova a dover rubare al mercato tra le strade di Kinshasa. Mentre scappa viene preso e rinchiuso in un carcere minorile. Nella prigione viene organizzata una partita di calcio tra i ragazzi del quartiere e i prigionieri. Riccardo, un reporter fotografico, capitato lì per caso, scopre il talento di Bilia per il calcio. Lo porta in Italia e per lui inizia una nuova vita. Il romanzo è scritto con un lessico abbastanza semplice, periodi facili, un ritmo molto lento con molte descrizioni. Bilia fa una promessa a sua madre: ”Un giorno diventerò un grande calciatore, e tu, mamma, sarai fiera di me, ovunque tu sia”. L’autore vuol far capire che non si deve mai smettere di sperare anche se tutto va male. Ne consiglio la lettura perché non è bello solo per chi gioca a calcio, ma anche per chi non ne va matto.

Gianluca Altomani

Classe 1^F

Scuola Secondaria di 1° grado “Ferrante Gonzaga”

 

AUTORE: Paul Bakolo Ngoi

TITOLO: Colpo di testa

CASA EDITRICE: Fabbri Editore

É la storia di un ragazzo del Congo di nome Bilia che, rinchiuso in un carcere minorile per essersi trovato coinvolto in una brutta storia, avendo rubato solo un casco di banane, scopre, nei lunghi giorni da trascorrere in prigione, la passione della sua vita: il calcio.

Questo ragazzo volge lo sguardo al cielo e immagina il volto di sua madre. Le promette che un giorno diventerà un grande calciatore e che lei ne sarà fiera ovunque sia.

Il guardiano del carcere propone un giorno una partita di calcio tra i ragazzi del quartiere e i detenuti. Nella squadra c’è anche Bilia. Il giorno tanto atteso è arrivato, ma tra il pubblico si trova qualcuno che lo guarda con attenzione: è un europeo che fa l’osservatore per le squadre professioniste. Accortosi della sua bravura, lo porterà in Italia dove il giovane potrà finalmente diventare calciatore professionista.

STILE: lessico semplice, periodi facili e ritmo veloce

GENERE: avventura

CITAZIONE: “È un bravo ragazzo che è scivolato su una buccia di banana” dice il guardiano Sankara. Questa frase mi è piaciuta perché dava speranza a Bilia, una speranza per farlo uscire dal carcere minorile.

L’autore vuole intrattenere e divertire un pubblico giovane che ama lo sport.

Consiglio la lettura soprattutto a chi ama lo sport per la passione che l’autore vuol far trasparire attraverso i comportamenti del protagonista.

VOTO: 4 su 5

Federico Sanfilippo

Classe prima, S. Orsola

 

TITOLO: Colpo di testa

AUTORE: Paul Bakolo Ngoi

CASA EDITRICE: Fabbri Editori

Bilia, un bambino di 14 anni, corre per il mercato ma dei carabinieri lo inseguono: aveva rubato delle banane. Era la prima volta che Bilia finiva in prigione. Insieme a lui c’erano altri bambini con altre storie diverse dalla sua. Lui non è un ladro, vuole andare avanti e ricominciare da capo con una nuova occasione. Il sogno di Bilia è il calcio. Un giorno, un signore organizza una partita tra i ragazzi del quartiere e quelli del carcere. Riuscirà Bilia a dimostrare il suo talento e a realizzare il suo sogno?...

STILE: lessico semplice, ritmo veloce.

CITAZIONE: credere in se stessi

Consiglio di leggerlo perché è un libro avventuroso, significativo e parla di un sogno.

VOTO: 5 su 5

Giada Freddi

Classe prima, Scuola secondaria di primo grado S. Orsola

 

TITOLO: Colpo di testa

AUTORE: Paul Bakolo Ngoi

CASA EDITRICE: Fabbri editori

 

Storia di un ragazzo africano che pur vivendo in  povertà è riuscito a cambiare il suo destino grazie alla sua bravura e al suo talento calcistico.

Il lessico di questo libro è abbastanza semplice, i periodi sono semplici perché contengono spesso discorsi diretti. Il ritmo è abbastanza veloce e con poche descrizioni.

Una frase tratta dal libro:”La sua nuova vita è questa. A volte è facile, a volte no. A volte è bella, come adesso, con la vittoria in pugno. A volte è dolore, nostalgia che prende lo stomaco e lo strizza forte, come una mano cattiva. Ma è la sua vita, e Bilia sa che deve accertarla tutta intera, così come è. Intera e rotonda, proprio come un pallone.”

L’autore, descrivendo questa storia, ha voluto trasmettere un messaggio di speranza.

La situazione di partenza di Bilia era molto difficile, eppure con le sue capacità il ragazzo è riuscito a vivere una vita migliore

Consiglio la lettura di questo libro

Voto: 4 su 5

Beltrami Matteo classe 1° D