jessica la scacciastreghe - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Biblioteca Comunale | Lasciamo il segno 2012/2013 CLASSI PRIME | jessica la scacciastreghe - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Emma Barnes

JESSICA LA SCACCIASTREGHE

 

RECENSIONI DEI RAGAZZI

 

AUTORE: Emma Barnes

TITOLO:Jessica la scacciastreghe

CASA EDITRICE:mondatori

Il libro parla di Jessica: è una bambina un po’ monella ma molto intelligente, infatti vuole fare la scienziata. Jessica ha un problema: la mamma è un po’

pazza è vuole fare la strega. Tutta la famiglia è preoccupata, ma Jessica risolverà il problema e diventerà una scacciastreghe.

Ci saranno tante divertenti avventure, fino a quando...

STILE: non è un libro molto facile. Le frasi sono lunghe. Il ritmo è veloce. Ci sono poche descrizioni.

GENERE: il libro è comico.

CITAZIONE: diventerò una strega professionista!

L’autrice vuole far ridere, ma vuole anche fare riflettere sul fatto che i genitori e figli possono litigare, ma alla fine fanno sempre la pace.

Il libro mi è piaciuto così così, perché è un po’ difficile e le immagini sono brutte.

VOTO:3!

ALLA FINE CONSIGLIO: leggete un altro libro!

SOUHA GHRIB

1^C  

 

 

Jessica la scaccia streghe...di Emma Barnes

La signora Haggerthwaite  non  era una madre qualsiasi; perché lei  non  voleva  fare  un  lavoro  normale, ma  diventare  una  strega  professionista. Figuratevi le facce che fecero i suoi familiari quando seppero questa novità ... Infatti, lei e il signor Haggerthwaite litigarono e il marito se ne andò di casa; allora Jessica, la figlia, decise di lasciare un attimino da parte la scienza (che a lei piaceva tantissimo) e di fare la scacciastreghe!!! Mentre passavano i giorni Jessica si accorse che fare la scacciastrghe era più complicato del previsto.

Questo racconto ha un lessico semplice, periodi facili, ritmo lento e poche descrizioni.

Secondo me l'autore vuole farci capire di non creare certe situazioni spiacevoli e come reagire a problemi, situazioni difficili.

Ne consiglio la lettura perché il libro è ben "costruito", e fa capire molte cose; se dovessi dargli un voto da 1 a 5 darei 4.

Gaia Manzotti

Classe Prima S. Orsola

 

“JESSICA LA SCACCIASTREGHE”

 

AUTORE: Emma Barnes

TITOLO: Jessica la scacciastreghe

CASA EDITRICE: Bruno Mondadori

La madre di Jessica ha un sogno nel cassetto: diventare la più grande delle streghe, invece la figlia Jessica vuole diventare la scienziata più famosa del secolo. Quando viene a sapere la notizia sconvolgente della madre che desidera diventare una strega professionista, si decide a fare la scacciastreghe.

Il lessico di questo libro è abbastanza semplice, i periodi sono facili, ha un ritmo veloce e contiene molte descrizioni.

GENERE: comico / avventuroso

CITAZIONE: “Smettila! Arrivato in cima alle scale, Bruscolo si voltò di scatto. Era paonazzo.”

L’intenzione comunicativa dell’autore è fare divertire i lettori e le lettrici e proporre un’idea originale e nuova.

IL MIO PUNTEGGIO: 4 su 5

Arianna Lattes

1^D

 

TITOLO LIBRO: JESSICA LA SCACCIASTREGHE 

AUTRICE: EMMA BARNES 

CASA EDITRICE: MONDADORI 

Jessica da grande vorrebbe fare la scienziata, ma un’idea assurda viene alla signora Haggerthwaite, madre della ragazza, e ostacola i piani di Jessica...

La signora Haggerthwaite come lavoro vorrebbe fare la strega professionista e non si preoccupa dell’imbarazzo che provocherebbe alla figlia Jessica e al signor Haggerthwaite.

La donna è convinta più che mai che la sua nuova professione potrebbe rendere la famiglia Haggerthwaite più famosa e ricca che mai.

Così facendo, però, il marito se ne va da casa e come previsto toccherà proprio a Jessica rimettere le cose al loro posto, quindi se la signora Haggerthwaite fosse diventata una strega, Jessica, sarebbe stata una scacciastreghe.

Jessica prepara diversi piani per far cambiare idea alla madre, ma  funzioneranno o dovrà accettare questa dolorosa realtà?

Questo libro, ha un lessico semplice da capire, il ritmo è veloce e le descrizioni sono poche ed essenziali, il genere è comico.

L’autrice ha senza alcuna ombra di dubbio cercato di divertire i lettori e penso che ci sia riuscita.

Personalmente è un libro che mi è molto piaciuto, soprattutto perché ha molti colpi di scena.

VOTO: 4 su 5

Vezzani Riccardo,  classe 1B Scuola Secondaria di 1^ grado "F.Gonzaga"

 

AUTORE:Emma Barnes

TITOLO:Jessica la scacciastreghe

CASA EDITRICE:Mondadori

Pozioni magiche, fertilizzanti magici, allestimenti macrabi. Tutti "oggetti" che Jessica e Bruscolo sono costretti a vedere ogni giorno che tornano a casa da scuola o che trovano investigando anche negli angoli più remoti della casa a causa della professione della madre: la strega. Nessuno in famiglia é d' accordo con la decisione presa dalla madre ed è per questo motivo che i legami in famiglia a poco a poco si sciolgono. Ma...

Il lessico è semplice, i periodi facili e la narrazione, a mano a mano che procede, acquisisce un ritmo veloce con poche descrizioni. Ho trovato significativa questa frase: "Diventerò una strega professionista! Melandra Heggerthwate strega professionista! Non suona bene?" è il modo con il quale la madre svela ai figli la sua professione. L'autore vuol fare capire che, a volte, nemmeno gli adulti scelgono la giusta via. Ne consiglio la lettura perchè è un modo divertente scoprire un mondo dove le persone non mollano mai, neanche di fronte a molti pregiudizi.

VOTO:4

Kritika Sharma

classe 1^F Scuola Secondaria di 1^ grado "F.Gonzaga"

 

AUTORE: Emma Barnes
TITOLO: Jessica la scacciastreghe
CASA EDITRICE: Mondadori
Una bambina di nome Jessica vive con il fratello Bruscolo, il padre Tom e la  madre Mellandra Haggertwaite.
La madre vuole diventare una strega professionista e cerca di fare pubblicità, ma tutti credono che non sia un' idea degna di tante attenzioni. Anche i familiari la prendono per pazza, addirittura il marito se ne va di casa. Da quel momento Jessica decide di diventare una scacciastreghe, ed elabora dei piani per cercare di far tornare a casa il padre e non far diventare la madre una strega professionista.
A scuola, tutti prendono in giro Bruscolo e Jessica; la signorina Barnaby, la maestra dei ragazzi, consegna un progetto di scienze e a Jessica capita come tema “Le piante”. Dopo la scuola vanno a casa di zia Kate a salutare il padre Tom che sta lavorando nella serra. Il giorno seguente, Jessica torna a casa con Robbie Flotsam, un suo compagno con il quale non va molto d'accordo e il cui padre possiede la “Gazzetta di Bellstone” e tanti alberghi, ai quali dovrebbe rifare il giardino. La signora Haggertwaite li vede entrare e inizia a parlare con il signor Flotsam ma i due adulti finiscono per litigare. La madre di Jessica perde la possibilità di avere la sua pubblicità sul giornale e il padre di rifare il giardino degli alberghi.
Il signor Flotsam pubblica un articolo sul giornale che parla male di Mellandra, ma questo fa solo migliorare le cose per la strega che entra nel giro degli affari...
Il lessico è semplice così come i periodi, il ritmo è sostenuto e le descrizioni sono poche.
È un genere comico, la frase più significativa è quella detta da Jessica: <<Adesso tocca a voi>>
L' autore prova a farci rimanere con il fiato sospeso fino all'ultima parola.
Io consiglio a tutti di leggerlo perché non si sa mai come potrebbe essere la frase successiva ed è divertente.
Il mio voto è 4.5 su 5.
Giorgio Alfieri
Scuola Secondaria di Primo Grado Sant’Orsola, classe 1^