arthur e il popolo dei minimei - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Biblioteca Comunale | Lasciamo il segno 2012/2013 CLASSI PRIME | arthur e il popolo dei minimei - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Luc Besson

ARTHUR E IL POPOLO DEI MINIMEI

 

RECENSIONI DEI RAGAZZI

 

LUC BESSON   

ARTHUR E IL POPOLO DEI MINIMEI 

Casa editrice Mondadori

Arthur ha dieci anni e venne abbandonato dai genitori. Vive con la sua simpatica nonna. Ha una bella casa, ma vuole impadronirsene un malvagio. Arthur era affascinato dal popolo dei Minimei di cui gli parlò il nonno, misteriosamente scomparso. Arthur si rivolgerà ai Minimei per avere aiuto...

STILE

Complesso, poche descrizioni, ritmo lento.

GENERE

Fantasy

INTENZIONE COMUNICATIVA

I suo obiettivo è quello di coinvolgerci nella lettura del libro; per questo è ricco di colpi di scena.

Ne consiglio la lettura, perché è coinvolgente, ti sembra di trovarti con ARTHUR, mi è piaciuto molto.

VOTO: 5/5

Gabriele Troga

Classe Prima S. Orsola

 

 

TITOLO: Arthur e il popolo dei Minimei

AUTORE: Luc Besson

CASA EDITRICE: Mondadori

Il libro parla di un bambino di nome Arthur che vive con la nonna in campagna. Il nonno Archibald è scomparso lasciando tanti debiti. La nonna, per pagare i creditori, deve vendere la casa, ma Arthur si oppone. Il nonno aveva nascosto dei rubini e ha lasciato degli indizi al nipote per poterli trovare. Attraverso un marchingegno messo in giardino durante la notte di luna piena, Arthur riesce ad entrare nel mondo dei Minimei, piccoli esseri che abitano nel sottosuolo, dove il nonno ha nascosto i rubini. Arthur, insieme ai figli del re dei Minimei, va in missione per sconfiggere il malvagio Maltazard, che era entrato in possesso dei rubini. Anche il nonno, prima di lui, era partito per la stessa missione ma non era mai tornato...

Stile: il lessico è semplice, le frasi facili, il ritmo abbastanza veloce con poche descrizioni.

Genere: fantastico e avventuroso

Messaggio: è un libro che insegna che nella vita ci si può aiutare anche tra esseri completamente diversi.

Consiglio la lettura di questo libro perché mi ha divertito e incuriosito molto.

Matteo Lupoli

Classe Prima S. Orsola

 

 

“ARTHUR E IL MONDO DEI MINIMEI”

di Luc Besson

Ed. Mondadori

Un bambino di nome Arthur vive in campagna con la nonna. La casa e il terreno stanno per essere venduti ad un uomo avido e senza scrupoli. Arthur vuole aiutare la nonna e per farlo cerca di ritrovare un tesoro di cui in nonno, scomparso da tempo, ha scritto su un suo diario. Questo tesoro si trova nel mondo magico dei Minimei, un popolo di esseri minuscoli che vive sottoterra. Arthur riesce a trovare quel mondo, fa amicizia con loro e ...

Il libro è scritto con uno stile scorrevole e semplice, arricchito con molte descrizioni e colpi di scena che avvincono il lettore.

E’ un libro fantasy appassionante che “tiene con il fiato sospeso”.

Lo consiglio come lettura, ma soprattutto consiglio di leggere il seguito per conoscere il finale di questa straordinaria avventura!

Mi è piaciuta questa frase: “... di colpo il sorriso di Selenia svanisce, come un castello di carte che si è mantenuto troppo a lungo in equilibrio precario ...” ( Selenia ama Arthur )

VOTO: 5 

Claudia Gambetti

1^B

 

Autore: Luc Besson

Titolo: Arthur e il popolo dei minimei

Casa editrice: Mondadori

Il libro parla di un ragazzino, ARTHUR, che per salvare la casa dei nonni dai debiti si mette alla ricerca di un tesoro fatto di rubini, un tesoro  nascosto chissà dove da suo nonno prima di scomparire. Il tutto inizia così: ARTHUR, nel cercare tracce che lo possano portare al tesoro, si imbatte in una serie di messaggi che lo conducono a chiedere aiuto al popolo dei Minimei, persone che vivono sotto terra e che sono alte 2 mm.

Per entrare nel loro mondo Arthur viene aiutato dai BOGO MATASSALAI, una tribù africana composta da persone che, al contrario dei Minimei, erano di statura altissima. Al suo arrivo sotto terra, Arthur dopo aver preso le sembianze e l’altezza dei Minimei viene accolto da Betamesh uno dei figli del re, che lo conduce al cospetto di suo padre il re e sua sorella Selenia. ARTHUR spiega loro che per salvare la casa e il giardino dalla distruzione (nel giardino vivono i Minimei) ha assoluto bisogno di ritrovare i rubini sepolti e poter così pagare i debiti e salvare casa e giardino.

I Minimei accettano di aiutarlo nella ricerca del tesoro affiancandogli Betamesh e Selenia dando vita a una serie di innumerevoli avventure.

Stile: lessico semplice, periodi facili, ritmo lento, descrizioni poche.

Genere: avventura

La frase che mi ha colpito di più è quando Arthur dice: “Nonno!!!!Credevamo fossi morto!!??”

L’autore vuol far divertire il lettore perché, secondo me, ha l’intenzione di far capire come sarebbe vivere in un mondo di fantasia come quello di Arthur.

Ne consiglio la lettura perché in ogni capitolo c’è un pizzico di magia che ti fa venire in mente i momenti più belli della tua infanzia.

Giudizio: 5 mi è piaciuto molto.

BONAZZI BEATRICE

1^C

 

AUTORE: Luc Besson

TITOLO: Arthur e il popolo dei Minimei

CASA EDITRICE: Mondadori

CONTENUTO: Arthur un ragazzino di 10 anni, vive dalla nonna in campagna purtroppo una perfida persona si vuole impossessare della bella csa in cui vivono Arthur e la nonna; il nonno di Arthur è sparito da 4 anni.

Arthur un giorno trova nella biblioteca del nonno un cannocchiale che lo aiuta ad entrare nel paese dei Minimei che possono aiutarlo a risolvere la brutta situazione.

STILE:Molte descrizioni, ritmo veloce.

GENERE: Avventura

Arianna Lattes

1^D

 

 

Autore: Luc Besson

Titolo: Arthur e il popolo dei Minimei

E’ la storia di un ragazzino di 10 anni, Arthur: a causa dei suoi genitori sempre assenti, passa l’estate dalla nonna. Una sera la nonna gli racconta di una tribù che il nonno esploratore aveva incontrato in uno dei suoi viaggi: i Minimei. Al suo ritorno aveva portato con sé un tesoro di grande valore, ma poi era scomparso.

Arthur parte per cercare il nonno e da quel momento comincia l’avventura più entusiasmante della sua vita.

Il lessico è semplice, i periodi facili, il ritmo è veloce e ci sono molte descrizioni.

Il libro mi è piaciuto tanto e ne consiglio la lettura ai ragazzi che amano l’avventura.

Voto: 4

Natalia Costanzi

Classe 1^F

Scuola Secondaria di 1° grado “Ferrante Gonzaga”

 

SAINI PRABHJOT 1^D

ARTHUR E IL POPOLO DEI MENIMEI

AUTORE: Luc Besson

TITOLO:arthur e il popolo dei minemei

CASA EDITRICI:mondadori

La storia è ambientata in estate, in un'epoca indefinita ma presumibilmente vicina (uno dei personaggi conta i pagamenti in euro). Arthur è un ragazzino di 10 anni che vive in campagna con la nonna a causa dell'assenteismo dei genitori. La nonna, che si chiama Marguerite, si ritrova ad affrontare da sola i debiti e un losco imprenditore che vuole ottenere il terreno della casa per costruirci sopra degli stabili, approfittando anche della misteriosa scomparsa del nonno di Arthur, Archibald.

Un giorno, la nonna di Arthur gli racconta la storia di una strana tribù che il nonno aveva incontrato: i Minimei. Quest'ultimi, erano in stretto contatto con il nonno del ragazzino, anche perché sarebbero raggiungibili da casa loro attraverso un portale. L'ultima volta che è stato da loro, il nonno avrebbe portato con sé un tesoro di inestimabile valore che apparteneva a popoli ancora più antichi.
Affascinato da questa storia e desideroso di estinguere i debiti della nonna, il piccolo Arthur comincia a cercare il portale e lo trova seguendo vari indizi nascosti in casa e con l'aiuto di alcuni esponenti della tribù africana Matassalai, comparsa lì misteriosamente. Il portale rimpicciolisce Arthur e lo trasforma in un minuscolo folletto dai capelli bianchi. Incontra i Minimei e scopre che stavano proprio davanti casa loro e che sono alti mezzo millimetro.
Una volta giunto in questo mondo, Arthur scopre che suo nonno si era avventurato nelle terre di un malefico personaggio di nome Maltazard, tanto crudele da infondere nei minimei il timore di chiamarlo per nome; essi infatti lo chiamano M il Malvagio. A quanto pare il nonno era a sua volta andato in cerca del tesoro, a Necropolis, la capitale del regno di M, ma non ha fatto più ritorno.
Arthur dà così inizio ad un viaggio accompagnato dalla principessa Selenia e dal fratello Bétamèche. Arrivato a Necropolis, Arthur si separa da Selenia che per paura di non tornare lascia il suo potere di regina dei Minimei ad Arthur baciandolo (un bacio per i minimei è matrimonio).

STILE:lessico difficile, periodi facili, ritmo lento, descrizioni tante

GENERE:misterioso

il libro per me è un po noioso

VOTO:3

SAINI PRABHJOT 1^D

 

 

 

 

TITOLO: Arthur e il popolo dei Minimei

AUTORE: Luc Besson

CASA EDITRICE: Mondadori

Il piccolo Arthur è un bambino di dieci anni che vive in campagna con la nonna. Un giorno trova il diario del nonno dove si parla dell’esistenza di un tesoro nel mondo dei Minimei. Arthur spera di trovarlo per poter salvare la fattoria della nonna dalle mani di un uomo cattivo che vuole costruirvi un nuovo quartiere. Arthur gironzola nella stanza del nonno finché non scopre un suo messaggio che gli dice di aspettare la luna piena davanti allo gnomo di creta del giardino per entrare nel mondo sotterraneo dei Minimei e farsi aiutare dalla principessa Selenia... Il finale scoprirete se in biblioteca andrete!

STILE: lessico abbastanza semplice, ritmo veloce.

GENERE: fantasy

VOTO: 4 su 5

Alex Bertolotti

Classe prima, Scuola secondaria di primo grado S. Orsola

 

 

ARTHUR E IL POPOLO DEI MINIMEI

È stato scritto da Luc Besson, uno scrittore francese.

La casa editrice di questo libro è Mondadori.

La storia è ambientata in estate, quando Arthur, un ragazzino di 10 anni, vive in campagna con la nonna perché i genitori non sono sempre presenti. La nonna si ritrova ad affrontare da sola i debiti e un sospetto imprenditore che vuole ottenere il terreno della casa per costruirci sopra degli stabili, approfittando anche della misteriosa scomparsa del nonno di Arthur, Archibald.

Così il ragazzino va nella biblioteca del nonno, per cercare qualche indizio che lo aiuterebbe a risolvere i debiti della nonna. L’unico modo per aiutarla è andare nel paese dei Minimei, che il nonno conosceva molto bene, e che lo aiuteranno a trovare il tesoro nascosto di Archibald. Una notte Arthur passa attraverso un portale che lo teletrasporta nel paese dei Minimei, cosa succederà a quel punto?? ...

Lo stile è formato da un lessico molto semplice, con periodi facili da capire e molte descrizioni.

Riguardo al genere, è un libro avventuroso ma allo stesso tempo emozionante.

L’autore, scrivendo questo libro, ha un obiettivo: dare alle persone che lo leggono un libro non solo fantastico, ma anche divertente.

Mi è piaciuto molto leggere questo libro e ne consiglio la lettura a tutti, perché è una storia molto speciale, che parla di un bambino a cui piace esplorare nuovi mondi.

Io a questo libro, se dovessi dare un voto da 1 a 5, darei un  bel 4.

Fabiana Pera

Prima media Istituto S. Orsola

 

 

Arthure il popolo dei Minimei

autore:Luc Besson

casa editrice: Mondadori

Arthur è un ragazzino di 10 anni che vive in campagna con la nonna a causa dell'assenteismo dei genitori. La nonna, che si chiama Marguerite, si ritrova ad affrontare da sola i debiti e imprenditore che vuole ottenere il terreno della casa per costruirci sopra degli stabili.

Un giorno, la nonna di Arthur gli racconta la storia di una strana tribù che il nonno aveva incontrato:popoli ancora più antichi.

stile: lessico abbastanza semplice; periodi un po' complessi; ritmo normale; molte descrizioni.

genere: avventura.

citazione: Soltanto i bambini hanno la meravigliosa capacità di passare così facilmente da un'emozione all'altra, come se i macigni, anche i più pesanti, in realtà non avessero peso, prima dei dieci anni.

intenzione comunicativa: l'autore ha l'obiettivo di far capire che i bambini dimostrano di avere la capacità di voler risolvere a tutti i costi i problemi.

consiglio la lettura di questo libro perchè è stato emozionante.

VOTO FINALE: 4

Francesco Borgonovi

Classe 1^D Scuola Secondaria di Primo Grado "F. Gonzaga"

 

 

 

ARTHUR E IL POPOLO DEI MINEMEI

autore: LUC BESSON

CASA EDITRICE: MONDADORI

CONTENUTO: La storia è ambientata in estate in un epoca indefinita ma presumibilmente vicina (uno dei personaggi conta i pagamenti in euro). Arthur è un ragazzino di 10 anni che vive in campagna con la nonna a causa dell'assenteismo dei genitori. La nonna, che si chiama Marguerite, si ritrova ad affrontare da sola i debiti e un losco imprenditore che vuole ottenere il terreno della casa, approfittando della misteriosa scomparsa del nonno di Arthur, Archibald, con l'intento di costruirci sopra degli stabili.

Un giorno, la nonna di Arthur gli racconta la storia di una strana tribù che il nonno aveva incontrato: i Minimei. Quest'ultimi, erano in stretto contatto con il nonno del ragazzino, anche perché, sarebbero raggiungibili da casa loro attraverso un portale. L'ultima volta che è stato da loro, il nonno avrebbe portato con sé un tesoro di inestimabile valore che apparteneva a popoli ancora più antichi.

Affascinato da questa storia e desideroso di estinguere i debiti della nonna, il piccolo Arthur comincia a cercare il portale e lo trova seguendo vari indizi nascosti in casa e con l'aiuto di alcuni esponenti della tribù africana Mata-salai, comparsa lì misteriosamente. Il portale rimpicciolisce Arthur e lo trasforma in un minuscolo folletto dai capelli bianchi. Incontra i Minimei e scopre che stavano proprio davanti casa loro e che sono alti mezzo millimetro.

Una volta giunto in questo mondo, Arthur scopre che suo nonno si era avventurato nelle terre di un malefico personaggio di nome Maltazard, tanto crudele da infondere nei minimei il timore di chiamarlo per nome, che infatti lo chiamano M il Malvagio. A quanto pare il nonno era a sua volta andato in cerca del tesoro, a Necropolis, la capitale del regno di M, ma non ha fatto più ritorno.

Arthur da così inizio ad un viaggio accompagnato dalla principessa Selenia e dal fratello Bétamèche.

stile: questo libro risulta essere molto difficile da capire ha un lessico difficile i periodi sono complessi il ritmo e lento e di descrizioni ce ne sono tante.

genere: avventura fantasy

frase importante: mi piacerebbe saperlo...

intenzione comunicativa:fare paura.

voto:2.5

Federico Bertellé