Radio niente - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Biblioteca Comunale | LASCIAMO IL SEGNO 2012/2013 CLASSI SECONDE | Radio niente - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Francesco D'Adamo

RADIO NIENTE

 

RECENSIONE DEI RAGAZZI

RECENSIONE DEL LIBRO "RADIO NIENTE"

AUTORE: Francesco D'Adamo

TITOLO:Radio Niente

CASA EDlTRICE:De Agostini

LUOGO ED ANNO DI PUBBLICAZIONE: Istituto Geografico De Agostini SpA 2010

NUMERO DELLE PAGINE:265

GENERE DEL'LIBRO:Romanzo

Due storie essenziali, raccontate in un modo quasi magico con storie epiche e allo stesso tempo crude. Sono storie di disagio di degrado, di vite ai margini degli adolescenti di periferia. Nella grande città dove si fa parte del branco per essere qualcuno. C'è una radio niente, radio pirata e clandestina, radio libera con una sola voce stella del mattino, nella notte traghetta I suoi ascoltatori {forse nessuno) tra le storie dall'altra parte dei ponti e dai quartiere dove non va mal nessuno da dove si fugge. Il mondo e' fatto di storie. La ragazza svela un mondo che pare fatto di paura.

Stella del mattino racconta storie chiedendo ai ragazzi dì alzarsi in piedi, gridare, ribellarsi, urlare e soprattutto di non chiudersi in se stessi ! ! ! !

PERSONAGGI: Stella del mattino e i ragazzi

TEMPI: E' ambientato ai giorni nostri

AMBlENTI la storta e' ambientata nella periferia di Milano

CAPITOLI:28

PAGINE PIÙ' INTERESSANTI: 240 su 255

ESPRESSIONI ORIGINALI DA RICORDARE:Conosco i vostri sogni e le vostre speranze. conosco le vostre delusioni. Lo so che e' dura ma stavolta qualcosa sta per accadere non ho niente da aggiungere a quello che ho scritto

VOTO 5 perché questa storia è molto bella....questo libro consiglio di leggerlo perché è molto interessante, fa riflettere sulla vita dei ragazzi adolescenti. Fa capire che non bisogna chiudersi in se stessi.

ALESSANDRA MANFREDINI

S.Orsola


 

TITOLO: Radio Niente

AUTORE: Francesco D' Adamo

CASA EDITRICE: Deagostini

Questa storia parla della vicenda di una radio strampalata e molto strana. L' unica radio senza neanche un ascoltatore. In quella radio non c'è

tecnologia e il telefono non suona mai. La conduttrice si chiama Stella del mattino. Lei parla da sola nella notte, e racconta le storie della sua

città alla radio. Ma stella del mattino pensa che non sia sola a condurre alla radio. Ad ascoltare le sue storie ci sono i fantasmi di vecchi poeti, ormai morti: Jim Morrison, Emily Dickerson e Jimi Hendrix. D’altronde è dura anche vivere in questa città oscura dove nessuno sembra avere più né fantasia né amore. A meno che Stella del Mattino e i Poeti Morti e qualche altro ribelle della Città Oscura non decidano che è arrivata l’ora di cambiare.

LESSICO: semplice

RITMO: normale

PERIODI: facili

DESCRIZIONI: tante

GENERE: avventura

Io consiglio la lettura di questo libro ai ragazzini dai 12 anni in su.

VOTO: 4+ 

Asia Contrasti

S.Orsola


 

TITOLO: Radio niente
AUTORE: Francesco D'Adamo
Nel libro, un DJ di una piccola radio privata narra due storie agli ascoltatori.
La prima è la storia di un ragazzo che vive in un quartiere degradato di Milano. Frequenta una banda di sfaccendati che trascorre le ore in un bar. Gli altri lo chiamano Vil Coyote per la sua vigliaccheria. Diventerà amico di Piotr, un ragazzo ucraino mai accettato dalla banda, in quanto straniero, ma sopportato per la sua bravura a giocare a basket. Il prete del quartiere ha infatti obbligato i ragazzi della banda ad iscriversi ad un torneo, e grazie a Piotr la loro squadra arriverà in finale.
Il secondo racconto parla di un ragazzo continuamente sottoposto ai soprusi di alcuni bulli della scuola. Nel racconto è sopprannominato Omega, dato che appartiene alla categoria degli omega, quelli che riescono ad attirare su di loro le attenzioni dei prepotenti. Egli s'innamora di una ragazza, oggetto di attenzioni da parte del capo dei bulli. Il tutto si concluderà con una sfida.

I due racconti narrano gli sforzi di due ragazzi emarginati per uscire dalla loro condizione. Il racconto di Vil Coyote è più credibile e meglio descritto, mentre il secondo è poco realistico.

Voto: 4/5

Federico Viani

2B scuola media “F. Gonzaga”