Speciale Elezioni Europee e Comunali 2019 - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Speciale Elezioni Europee e Comunali 2019 - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

SPECIALE ELEZIONI EUROPEE 26 MAGGIO 2019

PER COSA SI VOTA:

Il Consiglio dell'Unione europea, con decisione (UE, Euratom) 2018/767 in data 22/05/2018, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea L 129/76 del 25/05/2018, ha stabilito che le prossime elezioni dei rappresentanti del Parlamento europeo a suffragio universale e diretto avranno luogo nel periodo tra il 23 e il 26 maggio 2019. Considerato che la legge di stabilità 2014 (legge 27 dicembre 2013, n. 147), all'art. 1 - comma 399, ha stabilito che in Italia le consultazioni elettorali e referendarie dovranno svolgersi nella sola giornata di domenica, l'anzidetta elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia si terranno domenica 26 maggio 2019.

Si vota solo nella giornata di DOMENICA 26 maggio 2019 dalle ore 07.00 alle ore 23.00.

 

ESERCIZIO DI VOTO DA PARTE DEI CITTADINI UE RESIDENTI IN ITALIA PER I MEMBRI DEL PARLAMENTO SPETTANTI ALL'ITALIA:

I cittadini dell'Unione Europea residenti in Italia possono esercitare il diritto di voto nel Comune di residenza per i membri del Parlamento spettanti all'Italia, presentando al Sindaco del proprio comune domanda di iscrizione nell'apposita lista aggiunta.

Requisiti per l'ammissione al voto in Italia:
il cittadino dell'Unione Europea, con la compilazione della richiesta nelle liste aggiunte, dichiara sotto la propria responsabilità:
1) il possesso della capacità elettorale nello Stato di origine;
2) l'assenza di provvedimenti giudiziari che comportano la perdita dell'elettorato attivo  nello Stato d'origine.

L'Ufficio Elettorale del Comune di residenza, provvederà poi ad accertare d'ufficio:
3) l'assenza di misure di prevenzione di cui all'art.3 della L. n.1423/1956;
4) l'assenza di misure di sicurezza a norma dell'art.215 del C.C. in forza di provvedimenti definitivi;
5) l'assenza di interdizione perpetua o temporanea dai pubblici uffici.

La domanda, da redigere sui modelli plurilingue che il Ministero ha predisposto, deve essere presentata non oltre il novantesimo giorno anteriore alla data fissata per la consultazione e, quindi, entro il 25 FEBBRAIO 2019, allegando al modello di domanda copia del documento d'identità (passaporto, documento dell'autorità straniera equipollente al passaporto, carta di identità della Repubblica Italiana).

Manifesto

Modulistica per presentare la richiesta di iscrizione nelle liste aggiunte per l'elezione del Parlamento Europeo:
- Modello plurilingue (Bulgaria)
- Modello pluirilingue (Croazia)
- Modello plurilingue (Francia)
- Modello plurilingue (Lettonia)
- Modello plurilingue (Romania)
- Modello plurilingue (Slovenia)
- Modello plurilingue (Spagna)
- Modello plurilingue (Germania)
- Modello plurilingue (Ungheria)
- Modello plurilingue per altri stati in lingua inglese

 

COME VOTA IL CITTADINO ITALIANO RESIDENTE ALL'ESTERO:

a) Esercizio del voto da parte dei cittadini italiani (e loro conviventi) TEMPORANEAMENTE in un Paese UE presso i seggi da istituire presso gli uffici consolari:

In occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, che si svolgeranno in tutti i Paesi membri dell’Unione Europea nel periodo compreso tra giovedì 23 e domenica 26 maggio 2019, gli elettori italiani che si trovino in detto periodo temporaneamente in un Paese membro dell’Unione Europea per motivi di lavoro o di studio, nonché i familiari conviventi di cittadinanza italiana, possono votare per i rappresentanti italiani presso i seggi istituiti dagli Uffici consolari.

Per essere ammessi al voto è necessario presentare entro il 7 marzo 2019 al Consolato italiano competente una domanda che verrà poi inoltrata dal Consolato medesimo al Sindaco del Comune di iscrizione nelle liste elettorali. Detta domanda deve preferibilmente essere redatta utilizzando questo modello e dovrà riportare l’indicazione specifica dei motivi per i quali il connazionale si trova nel territorio della circoscrizione consolare e dovrà essere corredata dall’attestazione del datore di lavoro/dell’istituto od ente presso il quale il connazionale svolge la sua attività di studio, oppure da dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000, che contenga l’indicazione dell’attività di lavoro o studio svolta dal connazionale, ovvero la sua qualità di familiare convivente.

Le domande possono essere presentate all’Ufficio consolare di competenza (si consiglia la consultazione del sito istituzionale):

  1. per posta elettronica (allegando file scansionato della domanda firmata + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + fotocopia di un documento di identità del richiedente);
  2. per posta all’indirizzo dell’Ufficio Consolare di competenza (inviando domanda + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + fotocopia di un documento di identità del richiedente);
  3. personalmente presso l’Ufficio Consolare di competenza.

Si ricorda che il termine del 7 marzo 2019 è tassativo e non derogabile: oltre tale data le domande non potranno essere accolte e gli elettori temporaneamente all’estero per motivi di lavoro o studio potranno esercitare il loro diritto di voto solo in Italia (art. 3 comma 6 DL 408/1994), oppure nel Paese di abituale residenza UE se iscritti all’AIRE.

b) Esercizio del voto da parte dei cittadini italiani RESIDENTI in un Paese UE e iscritti nell'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE):

I cittadini italiani residenti nei Paesi dell'Unione Europea all'estero e iscritti all'AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero), possono scegliere di votare per i rappresentanti del Paese dove risiedono oppure, in alternativa, per i rappresentanti italiani.

Per presentare l'opzione per il voto a favore dei membri del Parlamento europeo spettanti al paese estero dove si risiede, è necessario rivolgersi alle Autorità Locali straniere.

Coloro che non hanno presentato detta opzione saranno ammessi al voto per l'elezione dei candidati italiani presso i seggi elettorali che verranno costituiti dai Consolati, senza necessità di presentare alcuna dichiarazione. Riceveranno all'indirizzo di residenza AIRE, da parte del Ministero dell'Interno, il certificato elettorale con l'indicazione del luogo, della data e degli orari in cui potranno esercitare il proprio diritto elettorale.
In caso di mancata ricezione del certificato elettorale, dovranno contattare l'Ufficio Consolare competente per verificare la propria posizione ed eventualmente richiedere il certificato sostitutivo.

c) Esercizio del voto in ITALIA da parte dei cittadini italiani RESIDENTI in un Paese UE e iscritti nell'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE):

I cittadini italiani residenti all'estero nei Paesi dell'Unione Europea e iscritti all'AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) che desiderano votare in Italia, possono esercitare tale diritto nel Comune di iscrizione nelle liste elettorali (che coincide con il Comune di iscrizione AIRE), comunicando la propria intenzione al Sindaco di detto Comune entro il giorno precedente (sabato 25 maggio 2019). E' necessario allegare alla comunicazione il certificato elettorale ricevuto dal Ministero dell'Interno o specificare il motivo per il quale non viene presentato.
Modello per la comunicazione al Sindaco

 

ESERCIZIO DI VOTO DA PARTE DEI CITTADINI UE RESIDENTI IN ITALIA PER IL RINNOVO DEGLI ORGANI COMUNALI:

I cittadini di uno Stato appartenente all’Unione Europea residenti in Italia hanno diritto di votare anche in occasione delle elezioni per il rinnovo degli organi del Comune di residenza, quindi per l'elezioni del Sindaco e del Consiglio Comunale (vedi avviso).

Per potere esercitare il predetto diritto, i cittadini dell'unione Europea debbono presentare una domanda al Sindaco del Comune in cui sono residenti, distinta dalla domanda eventualmente presentata per l'elezioni dei membri del Parlamento Europeo.

Nella domanda (alla quale dovrà essere allegata copia fotostatica di un documento d'identità in corso di validità), oltre all'indicazione del cognome, nome, luogo e data di nascita, dovranno essere espressamente dichiarati:

  • la cittadinanza;         
  • l'attuale residenza nonché l'indirizzo nello Stato di origine;
  • la richiesta di iscrizione nell'apposita lista elettorale aggiunta.

La richiesta potrà essere presentata in qualsiasi momento ed, in caso di elezioni, non oltre il quinto giorno successivo all'affissione del manifesto di convocazione dei comizi.

Modulistica per presentare la richiesta di iscrizione nelle liste aggiunte per l'elezioni degli organi comunali (clicca qui).