DA PAUL STRAND A MICHAEL KENNA: SGUARDI SULLE TERRE DEL PO - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

Eventi - ::: Rete Civica del Comune di Guastalla :::

DA PAUL STRAND A MICHAEL KENNA: SGUARDI SULLE TERRE DEL PO

Quella di Kenna è una mostra che, di per sé, porta ad un atteggiamento molto intimo, individuale e contemplativo in quanto le sue immagini minimaliste vanno d’accordo col silenzio, la lentezza, il nascondimento e il mistero.

Tuttavia, mettendolo in rapporto con Strand, o anche altri fotografi che hanno lavorato su questi luoghi, si crea l’occasione per capire la “fascinazione” che in qualche modo accomuna diversi sguardi artistici e diversi contesti storici e culturali.

La sensibilità verso i temi del paesaggio e del territorio è sicuramente cambiata dagli anni 50 ad oggi, (così come è cambiato il paesaggio stesso), ma è interessante il fatto che fotografi di origine angloamericana, nati in epoche diverse e abituati a fotografare nel mondo, abbiano trovato facile sintonia con luoghi a noi famigliari ma apparentemente lontani dalla loro cultura. Entrambi sono arrivati per “commissione” ma non c’è dubbio che entrambi siano rimasti imbrigliati in modo profondo e intimo nel percorso.

I volti di “Un paese” e gli alberi di Kenna, entrambi fotografati e rifotografati nel tempo, hanno qualcosa in comune? Le inquadrature millimetricamente studiate ma lasciate poi all’arbitrio delle lunghe esposizioni, in che rapporto stanno coi “set” di Strand? I cieli di Kenna stanno alle foto dei tramonti che riempiono le pagine dei social cosi come i volti di Strand stanno ai selfie? Per entrambi il viaggio è diventato un libro, perché e come?

 

Incontro gratuito. Consigliata la prenotazione.
Accesso con Green Pass