Art Bonus Campanon

Ogni cittadino può diventare mecenate del nuovo progetto di restauro della Torre Civica con un'erogazione liberale che consente di ottenere un credito di imposta pari al 65% dell’importo donato.

Art Bonus Campanon
Art Bonus Campanon

Descrizione

 
TUTTI X ILCAMPANÓN
Art-Bonus 2023
 
Il 4 novembre 2023 è stato presentato il nuovo progetto di restauro della Torre Civica, luogo simbolo della città, e l'opportunità per ogni cittadino di diventare mecenate di tale intervento con un'erogazione liberale che consente di ottenere un credito di imposta pari al 65% dell’importo donato.
 
COS’È ART BONUS 
 
Una misura agevolativa per favorire il mecenatismo culturale
 
Chi effettua erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura, come previsto dalla Legge n. 106 del 29/07/2014 e s.m.i., potrà godere di importanti benefici fiscali sotto forma di credito di imposta.
 
 
 
 
COME EFFETTUARE LA DONAZIONE
L’erogazione liberale avviene tramite versamento indirizzato all’Amministrazione beneficiaria, ovvero al Comune di Guastalla.
Per apparire nell’elenco dei mecenati, disponibile sul portale Art Bonus gestito dal Ministero della Cultura, il donatore dovrà compilare un form online, rilasciando opportuna liberatoria e consenso al trattamento dei dati personali per tal fine.
 
Beneficiario: Comune Di Guastalla
Iban: IT62I0503466360000000008397
Causale: Art Bonus - Comune di Guastalla - TORRE CIVICA "CAMPANON" - Codice fiscale o P. Iva del mecenate - Nome Intervento (opzionale)
 
 
ASPETTI FISCALI
• Per le persone sia fisiche, sia giuridiche gli oneri sono detraibili dall'imposta sul reddito.
• Il credito d'imposta spetta nella misura del 65 per cento delle erogazioni effettuate.
• I limiti di spettanza del credito ammontano al 5 per mille dei ricavi annui per le imprese al 15 per cento del reddito imponibile per le persone fisiche. 
• Il credito d'imposta maturato deve essere ripartito in tre quote annuali di pari importo.
• Il credito d'imposta è utilizzabile in compensazione.
 
 
Il Campanón, luogo della storia e dell’identità di Guastalla
 
La Torre Civica, meglio conosciuta come “Campanón”, monumento celebrativo e simbolo della città di Guastalla, sorge sul luogo nel quale si trovava l’antica Rocca abbattuta dall’esercito spagnolo nel 1689. Nel 1723 il duca Antonio Ferdinando volle ripristinare il decoro di questo luogo storico, procedendo al ridisegno di una piazza denominata “Piazza d’Armi”. Nello stesso anno il Consiglio Comunale decise di edificare una torre campanaria a ricordo della fortezza ormai scomparsa. I lavori della “Torre per la campana maggiore di essa comunità” iniziarono nel giugno 1723, come documentato nelle “Memorie” di don Antonio Resta, e terminarono nel 1732 con l’apposizione di una lapide celebrativa della magnanimità degli ultimi Gonzaga.
Sotto il profilo architettonico, la torre presenta lineamenti di solenne linearità: realizzata sulla tipica pianta quadrata, è caratterizzata dal susseguirsi di ampie specchiature delimitate da cornicioni e da lesene scarsamente aggettanti. Al di sopra del modulo di base e di quello intermedio, sul quale si imposta il grande orologio, si erge l’elegante cella campanaria connotata da quattro grandi finestre centinate con balaustra a colonnotti in cotto. Il sovrastante terrazzo, che raggiunge la quota di 39,20 metri, è contornato da una seconda balaustra con pinnacoli in marmo, sul quale poggia il leone rampante che caratterizza ancora oggi lo stemma di Guastalla.
Delle tre campane in bronzo, collocate nella cella campanaria della Torre Civica, due sono di foggia post-rinascimentale e una (la piccola) di fattura medioevale, con relative incastellature lignee e ferrature. Furono montate per concerto su incastellature con bilanciere e ruote di tiro, per la sonata a slancio, un allestimento risalente a fine ‘700 quando fu collocata l’ultima campana e per l’occasione fu interamente modificato il sistema di tiro delle altre due, Oggi le tre campane suonano mediante battuta laterale, un sistema elettrico e automatico, cosiddetto a carillon, che ha consentito di eliminare ogni sollecitazione eccessiva al sistema ligneo di tiro. 
Di particolare interesse è la sala di sinistra della torre, al piano terra, subito dopo l’ingresso, per la presenza di una finestra tonda a pavimento, che mostra “la buca” con i vari cunicoli residui del carcere dell’antica rocca, a cui si accede da una scaletta allagata da acqua sorgente, e per due interessanti affreschi, di cui uno, particolarmente narrativo, mostra l’aspetto della piazza antistante nell’antica connotazione di “Piazza d’Armi”. Si tratta uno dei pochi documenti descrittivi della città nel Settecento. La scena raffigura una festa, verosimilmente il Carnevale, in cui si riconoscono: un Arlecchino, un gruppo di comici dell’arte, intenti ad allestire lo spettacolo e varie animazioni, e una macchina teatrale in forma di tempietto.
 
 
Stato di conservazione 
 
L’interno della Torre vera e propria è composto da un susseguirsi di ambienti collegati verticalmente da scalette in laterizio. A piano terra, sulle pareti sono presenti apparati pittorici realizzati con tecniche a secco e le volte sono caratterizzate da decorazioni pittoriche non figurative. I livelli superiori non presentano trattamenti di finitura, le pareti risultano al nudo delle murature in laterizio e i pavimenti in mattonato.
Al livello dell’orologio (piano terzo) sono ancora presenti le strumentazioni per il suo funzionamento. All’interno della cella campanaria (piano quinto) sono presenti le incastellature lignee realizzate per il sostegno e la messa in funzione delle due grandi campane in bronzo. Sulla sommità (piano copertura) è ancora presente la struttura metallica dell’antico parafulmine.
Lo stato conservativo del paramento murario esterno-interno e dei solai appare buono per quanto riguarda i conci laterizi, così come la copertura del corpo basso e della Torre, difatti non sono presenti fenomeni di infiltrazione d’acqua piovana o elementi degradati.
All’interno, al piano terra della Torre, porzioni di paramento murario intonacato presentano fenomeni di distacco dal supporto mentre gli apparati pittorici evidenziano per lo più un deposito superficiale diffuso (non sono presenti muffe o incrostazioni). Ai piani superiori, in particolare quelli maggiormente esposti alle intemperie, come il piano quinto-cella campanaria, si rileva nel paramento murario erosione dei giunti di malta. 
 
 
Interventi di restauro 
 
Si propongono interventi di restauro e manutenzione, volti alla conservazione e fruibilità in sicurezza della Torre Civica di Guastalla, che intendono mantenere invariata la genesis compositiva e distributiva dell’edificio storico esistente nell’intento di non snaturare gli elementi architettonici del costruito originario, anzi, talvolta migliorando la fruibilità-sicurezza degli spazi e delle vie di esodo (fuga).
Gli interventi consisteranno, in primo luogo, nel migliorare e favorire l’accessibilità -in sicurezza- dei percorsi verticali (corpi scale), che articolano la composizione architettonica degli spazi interni alla Torre, da terra sino al belvedere apprezzabile in copertura, mediante inserimento di corrimano/parapetti metallici, unitamente all’adeguamento dell’illuminazione e impiantistica. In secondo luogo, nella messa in sicurezza e ristabilimento dell’adesione degli apparati pittorici posti nella sala principale disposta a piano terra, caratterizzata da paramenti murari e volta a crociera affrescata. In terzo luogo, nel restauro conservativo delle campane e relativa incastellatura lignea, ospitata nella cella campanaria, a piano quinto della Torre.

Data: 12 Marzo 2024

A cura di
Ufficio stampa
Competenze

  • Attività di informazione e di comunicazione
  • Rapporti con gli organi ufficiali d'informazione e con i mass media
  • Comunicati stampa istituzionali, conferenze stampa
  • Realizzazione del periodico d'informazione "Guastalla Informa" e "Guastalla Informa News"
  • Pubblicazioni dell'Ente

L'ufficio stampa gestisce i rapporti con i mass media offrendo loro servizi quali l'invio dei comunicati, coordina la redazione web, cura le pagine dei social media e supervisiona la rassegna stampa.

Orario di apertura al pubblico:
Riceve su appuntamento

Vai alla scheda

Tipo di notizia

Notizia

Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2024, 10:32